Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

COOKIE

Il sito web http://www.nicoladamati.com utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da Nicola Damati e su come gestirli.

Definizioni 

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, GIF trasparenti e tutte le forme di storage locale introdotte con HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell'utente e sull'utilizzo dei servizi.

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine “cookie”.

Tipologie di cookie 

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie possiamo distinguere diverse categorie:

Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice della Privacy).
Sono i cookie che servono ad effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall’utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori.
Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell’estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l’identificazione dell’utente nell’ambito della sessione, risultano indispensabili.
Appartengono a questa categoria:

Cookie di navigazione o di sessione, garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate). La disabilitazione di questi cookie influirà negativamente sulle prestazioni dei siti e potrebbe renderne indisponibili le funzionalità e il servizio.

Cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.
Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l’obbligo di dare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice della Privacy, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

Cookie di terze parti. Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”).
A titolo di esempio possono essere presenti cookie legati ai sevizi forniti da Google Analytics oppure cookie dovuti alla presenza di “social plugin” (ad esempio per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn), generalmente finalizzati alla condivisione di contenuti. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.
La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è  disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito  gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Cookie di profilazione. I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete.
In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, richiedono l’esplicito consenso dell’utente.
Il sito http://www.nicoladamati.com non utilizza cookie di questo tipo.

Google Analytics 

Il sito http://www.nicoladamati.com include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i "cookie"  per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito web http://www.nicoladamati.com (compreso l'indirizzo IP dell'utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori di http://www.nicoladamati.com riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l'indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l'identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.

Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:

https://www.google.it/policies/privacy/partners/

L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie “sopravvivono” alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.
Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.
Il sito http://www.nicoladamati.com non fa uso di cookie persistenti.

Gestione dei cookie 

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.
Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie.
La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità.
L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.

A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni ->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

Gia’ nel 1995 il Governo Canadese si era espresso dicendo che l’amalgama non

doveva essere messa a contatto con altri dispositivi metallici in bocca, anche il

Governo Italiano era intervenuto su questo argomento, soprattutto nei confronti delle

leghe auree che, secondo le nostre direttive, non devono essere poste vicino ad altri

metalli.

Le differenti leghe  metalliche, in bocca, reagiscono tra loro e con altri metalli e danno

origine ad un potenziale elettrico, come in un una batteria, indipendentemente che

esista o no un contatto diretto.

Le correnti generate, dell’ordine di millivolt,  sono paragonabili all’inquinamento

elettromagnetico che subisce una persona ferma sotto un pilastro dell’alta tensione.

Per comprendere meglio, il cervello ed il  cuore operano nella gamma  dei nano

ampere, cioè 100 volte inferiore ai valori patologici che possiamo trovare in bocca.

Questo effetto Elecricitas causa un danno da interferenze elettriche  sui muscoli,

che possono andare in spasmo, od avere contratture.

 Sull’articolazione temporo mandibolare un campo elettrico  può causare la TDM,

temporal mandibular disorder (Dott Jerome).

La rimozione delle correnti endorali ha portato alla guarigione da problemi navralgici

al nervo trigemino e, più raramente, al nervo facciale e agli oculomotori.

Oltre al problema elettrico, abbiamo l’effetto corrosione, che viene amplificato,

quando sono presenti correnti endorali al di sopra della norma.

La corrosione elettrochimica avviene quando due metalli diversi, a contatto tra loro,

sono immersi in una soluzione salina, si forma così una vera e propria pila galvanica,

con corrosione dei metalli meno nobili.

Se sono presenti altri metalli vicino all’amalgama,  si formeranno delle correnti

migratorie che aumenteranno la corrosione dell’otturazione, e favoriranno la

migrazione del mercurio o altri metalli presenti nella lega nei tessuti circostanti

(tatuaggi gengivali da amalgama, denti anneriti).

La saliva forma un eccellente elettrolita: attorno ai metalli presenti in bocca vengono a

formarsi delle attività elettriche che sono di due tipi.

 

La prima  è la classica  "effetto batteria", che si sviluppa per la presenza di 2 metalli ed

un elettrolita (soluzione che conduce elettricità), che producono un flusso di corrente.

Questa si crea per la presenza di due metalli differenti a contatto  o con la saliva come

elettrolita.

 

La seconda è quella che si produce nella stessa otturazione o corona metallica fra due

aree contenenti saliva, con aree a basso contenuto di ossigeno e aree ad alto contenuto

di ossigeno.

Per questo motivo anche in assenza di più o diversi metalli in bocca, vi può essere una

corrente endorale e quindi corrosione.

Spesso i potenziali elettrici sono più elevati fra mucosa e metallo che fra metalli, la

gengiva agisce quindi da catodo per la dissoluzione elettrochimica dell’otturazione.

Le otturazioni metalliche così caricate elettricamente, si scaricheranno sul tessuto

periodontale circostante, rilasciando i residui  (orletti grigi-tatuaggi  ) e interferendo

sul normale flusso energetico del  meridiano corrispondente

Più difficilmente si scaricheranno l’una con l’altra, quando misuriamo, infatti,

mantengono una certa carica che vanno perdendo in pochi secondi; una forte scarica

elettrica si può percepire facendo stringere una foglia di alluminio.

Quando presenti amalgame sotto corone di altro metallo, la corrente scaricherà,

attraverso la radice, direttamente sul periodonto e l’osso, andando ad interferire anche

sul normale flusso del meridiano corrispondente e rilasciando i diversi metalli sull’orlo

gengivale adiacente ed il periosto. (vedi foto)

Nella generazione del flusso elettrico vi è comunque una zona positiva (catodo) ed una

negativa (anodo).

Il flusso di ioni va dal polo negativo al positivo.

 L’anodo è la parte che viene sacrificata e quindi corrosa,  rilasciando ioni metallici e

mercurio.

Normalmente, misurando i vari metalli in bocca, le amalgame risultano negative e le

leghe auree positive: la corrosione è quindi della lega peggiore.

Questo significa che se c’è corrosione, la prima zona coinvolta è quella

elettronegativa.

Tutti i metalli in bocca vengono coinvolti sia dalle correnti sia dalla corrosione, ma

sicuramente quelli peggiori sono in ordine di gravita’:

 

1-Amalgama non gamma due: contiene maggiori quantità di rame introdotta negli

anni '90 per creare un composto più stabile o forse per risparmiare sull’argento da parte

dell’industria, ha caratteristiche per le quali è più elettricamente attiva e rilascia nei

primi anni più mercurio dell’ amalgama classica.

 

2- Amalgama tradizionale.

 

3-Leghe palladiate ad alto contenuto di platino  e palladio:  introdotte come sostitute

delle leghe auree per ceramica, per le loro caratteristiche di resistenza sulle lunghe

travate e per il costo più accessibile rispetto alle leghe auree negli anni 80.

Hanno dipinto di nero gli orletti gengivali di milioni di persone, in bocca molte volte

appaiono nere, come ossidate.

Per fortuna a seguito  del aumentato costo all’origine, dopo il 2000 sono andate fuori

interesse commerciale

 

4-Leghe cromo-cobalto-nichel, acciaio .

 

5-Leghe auree varie.

 

 

Tossicità.

 

 Il fenomeno di corrosione e di assorbimento, sia locale che sistemico, di metalli può generare un effetto

tossicità che varierà al variare dei seguenti fattori:

 

-Tipo di metallo: sono fondamentalmente 5 categorie: amalgama, leghe nobili, leghe

non nobili, acciaio e titanio.  Il mercurio dell’amalgama viene considerato il peggiore

in fatto di tossicità.

 

-Quantità di metallo in bocca e velocità di corrosione.

 

-Sensibilità individuale (costituzione e metalli).

 

 

Condizioni che determinano un aggravamento dei processi di corrosione.

 

-Elevata temperatura di cibi e bevande.

-Cibi salati (aumenta la capacità elettrolitica della saliva).

-Acidità orale,  provocata o da cibi e bevande o da una acidosi generale o per  reflusso-

  vomito.

-Acqua ossigenata, generalmente utilizzata come collutorio.

-Ogni situazione che generi un campo magnetico nei pressi della cavità orale (cellulare,

 radiosveglia , geopatie). 

-Ipersensibilità del paziente al metallo, infatti ogni metallo si comporta in maniera

diversa da paziente a paziente, può essere, alternativamente, il catodo o l’anodo

 

LE FIGURE MOSTRANO COME GLI IONI METALLICI SIANO MIGRATI ALL'INTERNO DELLA GENGIVA DAL METALLO

DELLE CAPSULE PROVOCANDO IL TIPICO TATUAGGIO GENGIVALE DI COLORE BLUASTRO.

NELLA SECONDA IMMAGINE LA CAPSULA SOLO ESTERNAMENTE DI CERAMICA, E' INVECE INTERNAMENTE FATTA CON

UN TELAIO METALLICO.

 

 

 

 

 ama

 

ama2