Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

COOKIE

Il sito web http://www.nicoladamati.com utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da Nicola Damati e su come gestirli.

Definizioni 

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, GIF trasparenti e tutte le forme di storage locale introdotte con HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell'utente e sull'utilizzo dei servizi.

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine “cookie”.

Tipologie di cookie 

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie possiamo distinguere diverse categorie:

Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice della Privacy).
Sono i cookie che servono ad effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall’utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori.
Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell’estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l’identificazione dell’utente nell’ambito della sessione, risultano indispensabili.
Appartengono a questa categoria:

Cookie di navigazione o di sessione, garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate). La disabilitazione di questi cookie influirà negativamente sulle prestazioni dei siti e potrebbe renderne indisponibili le funzionalità e il servizio.

Cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.
Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l’obbligo di dare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice della Privacy, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

Cookie di terze parti. Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”).
A titolo di esempio possono essere presenti cookie legati ai sevizi forniti da Google Analytics oppure cookie dovuti alla presenza di “social plugin” (ad esempio per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn), generalmente finalizzati alla condivisione di contenuti. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.
La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è  disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito  gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Cookie di profilazione. I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete.
In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, richiedono l’esplicito consenso dell’utente.
Il sito http://www.nicoladamati.com non utilizza cookie di questo tipo.

Google Analytics 

Il sito http://www.nicoladamati.com include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i "cookie"  per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito web http://www.nicoladamati.com (compreso l'indirizzo IP dell'utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori di http://www.nicoladamati.com riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l'indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l'identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.

Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:

https://www.google.it/policies/privacy/partners/

L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie “sopravvivono” alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.
Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.
Il sito http://www.nicoladamati.com non fa uso di cookie persistenti.

Gestione dei cookie 

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.
Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie.
La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità.
L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.

A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni ->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

 

Questo è un argomento di una certa complessità.

Bisogna considerare che l’Odontoiatra è l’unico operatore sanitario con la patente per inserire  un materiale

estraneo nell’organismo di una persona, con estrema facilità.

Abbiamo visto nella sezione de-vitalizzazioni quanti esperimenti sono stati fatti e quanti materiali sono stati

inseriti , solamente per eseguire la devitalizzazione.

Pensate che i primi impianti, prima dell’era Branemark, il medico svedese che fece un serio protocollo

implantare, erano le stesse viti che vendeva la ferramenta.

Questo succedeva perché l’odontoiatria era stata da sempre considerata una branca di serie B, con  poca

attinenza  alla salute  generale.

Per fortuna ora tutti i materiali sono sottoposti a delle regole di conformità ben precisi, ma che purtroppo

soggiacciono più alle regole commerciali che a quelle sanitarie.

Dico questo, per esperienza, poiché in tanti anni  mi sono reso conto che non esiste una vera e propria ricerca

da parte delle multinazionali nel campo dell’odontoiatria .

Rimangono i brevetti come quello dell'amalgama, che ancora viene proposta nonostante l' alternative e ben

poche novità sono state introdotte in termini di materiali biocompatibili.

Anzi, possiamo dire, che le protesi in nailon, come i compositi alternativi e altri materiali, sono vecchi

prodotti di nicchia, che per richiesta di mercato sono stati “rispolverati”.

Tutte le novità nel nostro campo sono dei riadattamenti di ricerche in altri settori  che l’industria adopera per

ampliare il mercato,  con piccoli riadattamenti e  tanta pubblicità.

Il potere di queste grosse industrie ha fatto si che uscissero in commercio tanti prodotti che , una volta utilizzati

( direi meglio sperimentati ) sui pazienti con esiti fallimentari, venissero poi ritirati nel giro di pochi anni.

 Ogni dentista ha nel suo armadio decine di prodotti che gli sono stati presentati e osannati, comprati, pagati,

usati e abbandonati: con tutti i prodotti ritirati dal commercio si potrebbe fare un catalogo completo!

 

Bisogna anche considerare che l’insuccesso dipende  da diversi fattori: rapporto costo-beneficio, durata,

facilità d’uso, ma non veniva certo considerata come fattore negativo la  bio-incompatibilità. 

Poi ci sono i piccoli produttori, fanno il loro meglio per sopravvivere, copiando e cercando di migliorare i

prodotti di serie.

Alcune volte ci riescono, ma il  loro prodotto difficilmente ha una grande presa sul mercato, altre volte

peggiorano il prodotto per competere economicamente con la grande distribuzione.

Recentemente sono nel mercato anche i prodotti cinesi di dubbia qualità  e, per quanto riguarda la protesi, dei

grandi distributori che ti spediscono la tua capsula con un materiale che ad esempio viene fatto in Francia e

terminato in Romania.

Il mercato è spietato e la ricerca è rivolta a soddisfare le richieste di guadagno, nel rispetto delle regole, ma

tralasciando l’aspetto salute.

Faccio un esempio: sono state presentate delle leghe metalliche certificate come leghe auree, di color oro con

una percentuale di oro inferiore al tre per cento ( che però rispetta i parametri di legge per cui nel certificato si

scrive lega aurea ), ma che sono composte per lo più di acciaio (cromo-cobalto-nickel).

Apparentemente sono gialle, sembrano oro, certificate e rimborsate come auree, ma possono dare allergia e

corrodersi come le leghe vili.

Parliamo dei materiali di uso comune: quanti materiali mi capita di usare che cambiano completamente

caratteristica perché provengono da diversi stabilimenti!

Quando hai capito che un cemento si indurisce in 30 secondi, lo stesso cemento che viene fatto in un secondo

stabilimento ce ne mette 300 oppure, senza avvisare, la ditta ne cambia alcuni componenti.

Qualche anno fa successe che, una volta cementate in bocca, tutte le capsule di ceramica si ruppero.

Si seppe in seguito che gli operai di una seria fabbrica di metallo per ceramica non venivano pagati e buttarono

monetine nelle fusioni inquinando il metallo per boicottare il produttore.

Per gli impianti è un vero è proprio caos! Al principio esistevano poche grandi ditte, ora ci sono dei produttori

fai da te che copiano i modelli o fanno le proprie linee di impianti.

Ditte che copiano di sana pianta o che fanno gli accessori di implantologia a prezzi stracciati ma con titanio o

metalli diversi dall’originale.

Tutto naturalmente certificato, ma poi mi trovo di fronte a problemi di bimetallismo o inquinamento

difficilmente risolvibili.

Ricapitolando, una volta erano i dentisti che si inventavano il materiale da utilizzare, ora sono le ditte con i loro

interessi e le aggirabili certificazioni.

 

 

COME CI SI DEVE COMPORTARE PER LA SCELTA DEL MATERIALE?

 

Abbiamo visto come, in realtà, sotto una facciata di regolarità, si nasconda un grande caos.

Tutto ciò si ripercuote sul successo e durata della terapia, quindi alla fine sull’ultimo anello della catena, il

paziente.

Naturalmente un operatore serio sa che, un insuccesso sul paziente, sarà anche un suo insuccesso e che a

lungo andare  inficierà  la sua affidabilità.

 

Quindi rimangono due possibilità:

 

la prima è quella di attenersi alle regole del guadagno.

 In questo caso saranno scelti e attuate metodiche sempre certificate che daranno i massimi risultati al minor

costo.

Tutta la responsabilità ricadrà sul paziente ( che non sopporta e non si adatta) poiché i protocolli seguiti saranno

quelli di legge per cui, in caso di contenzioso, l'operatore sarà tutelato dagli attestati di conformità dei materiali.

 

La seconda è quella di districarsi nel selvaggio mercato alla ricerca del materiale più compatibile presente in

commercio.

Naturalmente è un comportamento molto faticoso e impegnativo, che, però, porta, a lunga distanza, ad avere

meno problemi  ad instaurare un rapporto di fiducia maggiore con il paziente.

 

 

QUALE PROTOCOLLO BISOGNA USARE PER LA SCELTA DEI MATERIALI ?

 

Qualche hanno fa ho fatto un grande lavoro con dei compositi dentali, testandone tanti su tanti pazienti  con il

metodo EAV per  quasi un anno, alla ricerca del composito, colore e adesivo più compatibile.

Avevo molti pazienti e anche colleghi che mi chiedevano consiglio e volevo trovarne uno jolly, cioè  un

materiale da otturazione che potesse andare bene, più o meno,  a tutti.

Dopo aver esaminato la vasta mole di dati che avevo raccolto, sono giunto alla conclusione che non esiste il

materiale perfetto, la parola tutti deve essere cancellata e sostituita da ognuno: va scelto

individualmente il materiale che dà meno effetti tossici.

 

Quindi nel corso degli anni di esperienza e di controllo dei materiali con l’EAVI, sono giunto alle seguenti

conclusioni:

 

1-Il materiale perfetto non esiste e c’è sempre la possibilità di una relativa tossicità nei confronti del

paziente, per cui la metodica migliore è testare individualmente il materiale stesso.

 

2-Ci sono comunque dei materiali tossici, anche se certificati, che vanno scartati a priori.

 Vanno quindi a entrare nel pool dei materiali testabili individualmente solo quelli ritenuti meno tossici.

La scelta dei materiali di utilizzo andrà fatta con criteri che siano  al di fuori delle logiche di mercato o di

certificazione, ma solo con l’utilizzo dell’esperienza e del  buonsenso (il mercurio è un veleno , il fluoro

anche? Non li voglio usare!). Naturalmente seguendo anche i consigli della rete di operatori indipendenti e

olistici e delle loro esperienze a livello mondiale .

 

3- Seguire le regole di base di stoccaggio e di scadenza, acquistare sempre da ditte e fornitori seri.

 

4- All’ interno del pool dei materiali testabili vanno fatti dei controlli periodici, poiché le ditte li cambiano a

nostra insaputa o li inviano con difetti di fabbricazione o errato stoccaggio dei depositi.

 

5-Non vanno utilizzati materiali di nuova produzione se non dopo almeno due anni dal loro lancio in

produzione (sperimentazione in vivo sui pazienti ) e ascoltata l’opinione di gruppi di studio indipendenti.

 

6- I manufatti del laboratorio ( capsule, protesi ) vanno testati prima e anche una volta ultimati, per via dei

vari passaggi e probabili contaminazioni.

 

7- Considerare sempre che, comunque, un materiale è un  corpo estraneo e che, se oggi va bene, domani

potrebbe dare dei fastidi, allo stesso modo se tollerato in una certa quantità, al di sopra di quella potrebbe

trasformarsi in un carico tossico.

 

Non esiste quindi la certezza assoluta, a meno che vi sia una allergia accertata dell’individuo, ma  tutto

dipende dalla capacità di omeostasi dell’organismo in quel dato momento.

Nonostante questo, è sicuramente consigliabile fare di tutto per utilizzare il materiale più biocompatibile e

tollerato dalla persona, come opera di prevenzione da problemi di tossicità e interferenza energetica.

 

 

 

 COSTITUZIONE E SCELTA DEI MATERIALI.

 

Oltre l 'utilizzo del test di EAVI o la Kinesiologia applicata, si può optare per una scelta dei materiali in base

alla costituzione del soggetto. 

La costituzione comprende: la struttura somatica, l’aspetto generale, il carattere, il temperamento, l’umore e la

reattività del soggetto.

In omeopatia si identifica la costituzione col medicamento omeopatico che ad essa corrisponde.

Nella scelta dei materiali odontoiatrici si deve tener conto della tipologia medicamentosa omeopatica a cui il

paziente corrisponde, per assicurarsi che egli non abbia un’intolleranza costituzionale al materiale e quindi non

lo tolleri anche se usato in minime quantità (idiosincrasia).

 

 

Elenchiamo i tipi sensibili principali:

 

Tipo oro: corpulento, sanguigno, tendenza ai disturbi cardiocircolatori. Depressione alternata ad eccitamento. I

medicamenti corrispondenti sono: Aurum coll. , Aurum met. , Aurum iodatum. Evitare intarsi e ponti in oro.

Usare: porcellana, polimerisati, argento-palladio.

 

Tipo argento: asciutto, nevrastenico, eccitabile, insicuro. Soffre di vertigini e tremori. Desidera i dolci che non

sopporta, perché gli provocano: bruciori, meteorismo e diarree.

Rimedi omeopatici: Argentum met. ed Argentum nitricum. Evitare protesi in argento-palladio, l’amalgama

d’argento e monili d’argento.

 

Tipo ferro: gracile, debole, mucose pallide; labilità circolatoria regionale e stasi venosa. Mani e piedi freddi

con testa calda. Bruciori alla lingua, palpitazioni, vertigini, ronzii, dispepsia con gusto di uova marce e

ripugnanza alla carne. Minzione imperiosa. Eccitabile, impaurito, sonno inquieto con frequenti risvegli.

Rimedi omeopatici.: Ferrum met. , phosphoricum ed arsenicosum. Evitare lavori in acciaio inox.

 

Tipo Mercurio: corpulento, linfatico con disturbi catarrali cronici. Lingua impaniata con impronta dei denti.

Eczemi umidi e dermatiti.

Rimedi omeopatici: Merc. sol. , corrosivus, biiodatus e dulcis (calomelano), Cinnabaris. Non  usare amalgama

e sostituirlo dopo i 40 anni, periodo in cui generalmente si manifestano i sintomi.

 

Tipo Platino: nevrotico, irritabile con ipereccitabilità sessuale, malinconico. Nevralgie e sensazioni costrittive.

Rimedi omeopatici: Platinum met. Non usane il platino, né le leghe argento-palladio perché quest’ultimo ha le

stesse caratteristiche del platino.

 

 

 

 

 

 

.