Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

COOKIE

Il sito web http://www.nicoladamati.com utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da Nicola Damati e su come gestirli.

Definizioni 

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, GIF trasparenti e tutte le forme di storage locale introdotte con HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell'utente e sull'utilizzo dei servizi.

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine “cookie”.

Tipologie di cookie 

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie possiamo distinguere diverse categorie:

Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice della Privacy).
Sono i cookie che servono ad effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall’utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori.
Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell’estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l’identificazione dell’utente nell’ambito della sessione, risultano indispensabili.
Appartengono a questa categoria:

Cookie di navigazione o di sessione, garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate). La disabilitazione di questi cookie influirà negativamente sulle prestazioni dei siti e potrebbe renderne indisponibili le funzionalità e il servizio.

Cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.
Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l’obbligo di dare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice della Privacy, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

Cookie di terze parti. Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”).
A titolo di esempio possono essere presenti cookie legati ai sevizi forniti da Google Analytics oppure cookie dovuti alla presenza di “social plugin” (ad esempio per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn), generalmente finalizzati alla condivisione di contenuti. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.
La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è  disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito  gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Cookie di profilazione. I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete.
In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, richiedono l’esplicito consenso dell’utente.
Il sito http://www.nicoladamati.com non utilizza cookie di questo tipo.

Google Analytics 

Il sito http://www.nicoladamati.com include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i "cookie"  per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito web http://www.nicoladamati.com (compreso l'indirizzo IP dell'utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori di http://www.nicoladamati.com riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l'indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l'identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.

Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:

https://www.google.it/policies/privacy/partners/

L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie “sopravvivono” alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.
Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.
Il sito http://www.nicoladamati.com non fa uso di cookie persistenti.

Gestione dei cookie 

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.
Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie.
La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità.
L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.

A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni ->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

Abbiamo visto come nel corso dei decenni, per la Medicina Accademica,  si sia andata modificando la

definizione del  concetto di focolaio dentale.  

La  tonsillectomia, la rimozione dell’appendice infiammata o il taglio cesareo hanno seguito mode e maniere

completamente opposte a seconda dell’epoca storica.

Oggi è molto difficile farsi operare di tonsille, una volta si toglievano in ambulatorio anche con troppa facilità.

Anche le focalità dentarie sono per la maggior parte negate ufficialmente dalla medicina tradizionale che

afferma le potenzialità tossiche dei foci, ma in maniera parziale e solo per ben determinate patologie.

 Recentemente F. Perger ha affermato che, “nonostante i grandi progressi della medicina, teorie erronee

continuano a rimanere caparbiamente in vita anche con tutte le prove contrarie”.

Una di queste è la teoria focale poichè rimane ancora ancorata al concetto che deve esserci un rapporto causale

tra i batteri presenti nel focolaio e la malattia secondaria, attraverso la diffusione di germi, tossine od allergeni.

Se non si trovano tali fattori, le infiammazioni croniche latenti non avrebbero alcun significato

eziopatogenetico.

Essenzialmente il problema è dato da una insufficiente metodologia diagnostica di focus dentario e di

collegamento con la patologia associata a distanza che vedremo in un'altra sezione essere dovuto ad un

problema di regolazione della matrice del tessuto connettivo.

Al contrario un focolaio si considera  potenzialmente dannoso quando è associato ad un elemento dentario che

abbia in corso un processo infiammatorio attivo, sia acuto che cronico,  ma comunque sintomatologico e che

supponga una infezione di base.

Questo quadro deve essere completato da una diagnosi radiografica che confermi un ‘area di radiotrasparenza

intorno ad alcune aree del dente.

Come area di radiotrasparenza si intende una zona più scura rispetto all’osso circostante ove si ipotizzi una

mancanza ossea e quindi un riassorbimento e sostituzione dell’osso con materiale di derivazione infiammatoria,

come pus, tessuto granulomatoso, prodotti di degradazione batterica.

 

 

I criteri medici ufficiali per poter diagnosticare un  POTENZIALE focolaio sono:

 

1-PRESENZA DI UN ELEMENTO DENTARIO,O PARTE DI ESSO : deve essere presente una causa

evidente che può essere un dente anche incluso, residui radicolari, residui di materiale eterologo o ossei.

 

1-SINTOMI DI INFIAMMAZIONE : dolore, gonfiore, rossore,funzione lesa;  sia in stato acuto o più lievi

ma ripetuti nel tempo, cioè in stadio cronico.

 Questo, in seguito a ripetute cure antibiotiche e trattamenti odontoiatrici che non hanno avuto  apparente

efficacia sulla decontaminazione batterica.

 

2-CONFERMA RADIOLOGICA: deve essere visibile radiograficamente una area alterata contigua all’area 

ritenuta infetta.

Mancando uno dei tre criteri, la diagnosi di focus è difficilmente dimostrabile e solitamente negativa .

La Medicina Bioenergetica neurofocale ha però una marcia in più per la diagnosi dei foci dentali

e dei campi di disturbo.   Andiamo rivedere i tre criteri sotto un’altra ottica.

 

1-Non è necessaria la presenza di un dente per avere una zona focalizzata, anzi la maggior parte dei foci

è in zone ove è stato estratto un dente, ma è rimasta una infezione nell’osso anche a distanza di anni o

decenni.

Questo di solito avviene per la mancata pulizia ossea dopo l’estrazione con l’inclusione di sequestri ossei,

dentali, di materiale estraneo come residui di devitalizzazioni, sacco dentario o tessuto granulomatoso,

legamento parodontale o semplicemente batteri.

 

2-Raramente la zona focalizzata è sintomatologica.

Se lo è, da lievi disturbi, senso di qualcosa che non va o di pesantezza.

Invece i disturbi ci sono sempre ma a distanza.

Se però approfondiamo l ‘anamnesi , quasi sempre il paziente ricorda  che nel passato la zona era stata sede di

una pregressa estrazione complicata che gli aveva  provocato gravi disturbi, che sono poi scomparsi.

 

  3-L’indagine radiografica è quasi sempre negativa, soprattutto bisogna avere un certo

“occhio”per  identificare un focolaio .

 Posso affermare che, con una visione tradizionale della radiografia, si vedono meno del 50 per cento dei foci .

Ogni tipo di lastra, dall’endorale alla ortopanoramica, fino alla Cone Beam, ha i suoi problemi di diagnostica

 come del resto i suoi vantaggi.

Sicuramente la TAC e la Cone Beam sono le metodiche più precise ma anche lì non si vedrà niente se non si sa

dove andare a guardare ; comunque approfondiremo l’argomento nella parte della “valutazione radiografica”.

 

Concludendo, per ottenere una diagnosi, il più precisa possibile, di focus dentale o campo di disturbo, occorre

fare una anamnesi accurata, una analisi clinica, una indagine radiografica, ma soprattutto un test EAV o,

nell’impossibilità, un test kinesiologico.

Per completare, si possono anche valutare le analisi con i relativi indici di infiammazione e approfondire i

sintomi di relazione organo-odontone,  praticando la neural-terapia.

In ultimo, ma non meno importante, è l’ascolto del paziente con la sua capacità autodiagnostica.

 Quest’ultimo spesso insiste nell’affermare con convinzione, altre volte sussurrandolo con

timidezza, che in quella zona c’è qualcosa di strano che non va o che è il punto di partenza del

problema e continua a ribadirlo, nonostante le opinioni contrarie degli addetti ai lavori.

Capita spesso che nel momento  in cui dico alla persona, una volta finite le indagini :”Sì, il problema è lì! ”,  la

reazione  sia  accompagnata da un forte sblocco emozionale, che può arrivare al pianto .

 

Quindi solo un  ampio quadro di indagine, che va dalla più avanzata analisi radiografica al  timido sospetto 

del paziente, ma che includa comunque una valutazione bioenergetica, permetterà di identificare un problema

che, nella maggior parte dei casi, rimane subdolamente celato, come un cavallo di Troia, all’interno del nostro

organismo.  

 

 

 

.