Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

COOKIE

Il sito web http://www.nicoladamati.com utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati da Nicola Damati e su come gestirli.

Definizioni 

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, GIF trasparenti e tutte le forme di storage locale introdotte con HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell'utente e sull'utilizzo dei servizi.

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine “cookie”.

Tipologie di cookie 

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie possiamo distinguere diverse categorie:

Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice della Privacy).
Sono i cookie che servono ad effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall’utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori.
Senza il ricorso a tali cookie, alcune operazioni non potrebbero essere compiute o sarebbero più complesse e/o meno sicure, come ad esempio le attività di home banking (visualizzazione dell’estratto conto, bonifici, pagamento di bollette, ecc.), per le quali i cookie, che consentono di effettuare e mantenere l’identificazione dell’utente nell’ambito della sessione, risultano indispensabili.
Appartengono a questa categoria:

Cookie di navigazione o di sessione, garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate). La disabilitazione di questi cookie influirà negativamente sulle prestazioni dei siti e potrebbe renderne indisponibili le funzionalità e il servizio.

Cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.
Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l’obbligo di dare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice della Privacy, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

Cookie di terze parti. Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (“proprietari”), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (“terze parti”).
A titolo di esempio possono essere presenti cookie legati ai sevizi forniti da Google Analytics oppure cookie dovuti alla presenza di “social plugin” (ad esempio per Facebook, Twitter, Google+ e LinkedIn), generalmente finalizzati alla condivisione di contenuti. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L'utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network.
La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è  disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito  gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.
Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security
Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/
Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Cookie di profilazione. I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete.
In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, richiedono l’esplicito consenso dell’utente.
Il sito http://www.nicoladamati.com non utilizza cookie di questo tipo.

Google Analytics 

Il sito http://www.nicoladamati.com include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. (“Google”). Anche in questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).
Google Analytics utilizza i "cookie"  per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito web http://www.nicoladamati.com (compreso l'indirizzo IP dell'utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori di http://www.nicoladamati.com riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l'indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l'identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.

Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:

https://www.google.it/policies/privacy/partners/

L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Durata dei cookie

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie “sopravvivono” alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.
Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.
Il sito http://www.nicoladamati.com non fa uso di cookie persistenti.

Gestione dei cookie 

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.
Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie.
La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità.
L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.

A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni ->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

 

Da quando utilizzo in studio il test di EAVI, come integrazione diagnostica, il numero di casi risolti e di

soluzioni ai problemi che mi si presentavano, sono di gran lunga aumentati.

 

Le tipologie di risoluzioni si dividono in due grandi gruppi :

 

1-Il primo riguarda le diagnosi e le terapie prettamente odontoiatriche.

2-Il secondo riguarda il miglioramento di patologie sistemiche, di ambito non prettamente dentistico.

 

Non mi soffermerò nell’esporre i casi risolti con l’ausilio dell’EAVI, ma nei quali si sarebbe potuto trovare una

soluzione classica, ma solo dei casi complessi, nei quali non si era riusciti a fare una diagnosi ben precisa.

Questi sono i classici casi di pazienti che fanno la spola fra uno specialista e l’altro, senza trovare una vera e

propria soluzione ai loro problemi.

 

 

 RISOLUZIONI ODONTOIATRICHE.

 

L’aiuto  diagnostico che dà la metodica EAVI  nel campo odontoiatrico è  legato, principalmente,  alla

comprensione della causa di un dolore, che può essere causato da una  pulpite non ben identificata, da

patologie dolorose di eziologia vaga, da dolore  trigeminale aspecifico.

 

 

Segue un elenco di casi risolti:

 

Dolore pulpitico, nevralgie trigeminali, dolore retro-mandibolare, dolore all’articolazione temporo-

mandibolare, dolore all’orecchio, dolore al seno mascellare, dolore all’occhio,  dolori o pesantezza in punti

localizzati del viso, dolori non giustificabili a: denti, impianti, zone gengivali, corpi estranei inclusi, denti in

inclusione o seminclusione.

Dolori o fastidi vicino protesi o apparecchi, naso sempre chiuso con difficoltà di respirazione e rinite, acufeni,

 ronzii e vertigini, infezioni ripetute all’orecchio, diminuzione udito, problemi non identificabili in zona

perioculare, infezioni congiuntiva o periorbitali .

Ingrossamento linfonodi sottomandibolari, contrazione della muscolatura periorale e masticatoria, contratture

della muscolatura dello sternocleidomastoideo  del collo e del muscolo trapezio.

Sindrome della bocca bruciante, sintomi di bruciore-secchezza gengivale, della mucosa  e della lingua,

leucoplachie, candidosi.

Sapore metallico in bocca, sensazione di corrente o scosse all’interno della bocca.

Gonfiori, zone arrossate o dolenti in zone mascellari  del viso di origine sconosciuta.

Trigger point sul viso, cioè punti ben determinati dai quali parte il dolore o scosse elettriche che seguono un

percorso ben preciso.

Cefalee, emicranie.

Parafunzioni, bruxismo, serramento e digrignamento, disfunzioni neuro-muscolari ATM , clicks articolari.

Sensibilità dentale non risolvibile.

Come si evince dall’elenco, la tipologia della casistica risolta è molto vasta, ma è stata risolta, o migliorata,

solamente grazie all’identificazione  precisa della causa scatenante.

Fatta la diagnosi, è  relativamente semplice trovare una soluzione terapeutica, sempre restando che la causa sia

solamente, come spesso succede, una causa odontoiatrica.

 

 

RISOLUZIONE PATOLOGIE A DISTANZA.

 

La risoluzione di patologie non prettamente di pertinenza odontoiatrica, difficilmente accettate dalla medicina

accademica, fanno parte di quel contesto guarigioni legate alla medicina dell’evidenza, la quale ha una

importanza essenziale per il paziente, che si libera da un problema e che, invece, ne crea un altro, di tipo

scientifico, difficilmente spiegabile sulle basi deterministiche della medicina ufficiale.

La spiegazione di questi effetti,invece, trova una chiara spiegazione grazie alla teoria del Sistema di regolazione

di base di Pischinger.

L’effetto patogeno della zona focale, oltre a rilasciare direttamente in circolo tossine, batteri ed eventuali

materiali estranei, provoca una alterazione della matrice extracellulare e disturbi neurovegetativi, per

interruzione delle vie riflesse nervose.

Le cause principali sono essenzialmente due: i foci dentali e le intossicazioni, che creano problemi a distanza,

difficilmente riconoscibili e relazionabili . 

 

 

APPARATO OSTEO-ARTICOLARE.

 

Sono tanti i casi risolti, da semplici dolori alle articolazioni, fino ad arrivare alle vere e proprie artriti

diagnosticate come tali.

Cevicalgie, dolori e gonfiori  alla spalla, gomito, polso e dita, sono molto frequenti dallo stesso lato della

focalità.

La stessa cosa accade, per  le gambe.

Naturalmente quando parliamo di patologie complesse, c’è sempre una multifattorialità causale, per cui la

risoluzione immediata, con l’eliminazione del problema dentale, è rara, ma comunque possibile.

Si ottengono invece magnifici risultati se si affianca una terapia di accompagnamento omeopatica,

omotossicologica  e alimentare.

Mi ricordo di un pensionato con un giudizio in semi inclusione ossea, che, senza nessun altra terapia, a parte la

bonifica focale, mi ringraziò .

Mi disse che finalmente, dopo l’estrazione, riusciva a fare a piedi lo stradello che da casa sua scendeva in

spiaggia e che erano anni che non lo percorreva più.

Ma molte altre persone si alzano dalla poltrona con grossi giovamenti articolari immediati, spesso parziali, a

volte totali.

L’articolazione dolente o bloccata dà, immediatamente, una sensazione di leggerezza e di maggiore

mobilità.

In alcuni casi, i soggetti sono molto propensi a stiramenti e strappi muscolari reiterati e di difficile guarigione 

dal lato del corpo ove è presente una infezione focale.

I casi di artrite di origine dentale, invece, sono molto interessanti.

Alcune volte si ottiene una regressione  parziale, se non completa, ma, comunque, si riesce  sempre a

diminuire, se non addirittura sospendere, la terapia cortisonica.

Ci sono degli individui che hanno un legame così diretto denti-articolazioni che, come sviluppano una

problematica dentale, immediatamente questa viene subito “risentita” a livello articolare.            

In odontoiatria, posturologia e osteopatia, questo legame viene imputato ad  un problema occlusale e di

contatti; invece, a questi individui, basta una piccola infezione di una tasca gengivale, (che fra l’altro può

essere accentuata da un trauma dentale ), per sviluppare un problema muscolare o articolare.

In altri casi sono pulpiti, anche asintomatiche, che si trasformano in breve tempo in vere e proprie osteiti,  che

richiedono l’estrazione immediata del dente, senza nemmeno la possibilità di una devitalizzazione o cura

canalare.

 Sono proprio questi soggetti che ottengono i risultati più eclatanti quando fanno una bonifica dentale, al

contrario, hanno  le ricadute più veloci, se non controllano spesso lo stato di salute della loro bocca.

 

 

PROBLEMI DELLA PELLE.

 

La pelle, spesso e volentieri,  funge da organo emuntore per le tossine, che dalle mascelle vanno in circolo,

appesantendo il lavoro di fegato, reni, intestino e polmoni.

Spesso ho trovato che denti devitalizzati infetti, radici infette, bocche sature di metalli che erano la causa di

eritemi cutanei, esantemi , bolle e zone pruriginose in varie zone del corpo: solitamente sulla zona di

avambracci, caviglie , addome, collo e decoltè,  oltre naturalmente alla zona periorale.

Spesso sono puntini rossi, altre volte zone di dermatite .

Se presenti sul cuoio capelluto, danno origine a un alopecia a chiazze, alcune volte a desquamazioni o zone

infiammate tipo dermatite seborroica .

Altre manifestazioni da intossicazioni  dentali, frequenti,  sono quelle di tipo virale come herpes buccale o

labiale e  verruche .

Naturalmente la causa quasi mai viene ipotizzata né tantomeno riconosciuta  dal  Dermatologo, per cui i malati

quasi mai verranno indirizzati dal dentista e, tantomeno, faranno mai una bonifica dentale.

C’è da dire che molte volte il carico tossico dentale si associa ad altri carichi, fra i quali il più importante è

certamente quello alimentare.

Il problema più frequente nei casi di eruzioni cutanee è senza meno quello legato alla “gluten sensitivity” che

stà molto aumentando, ma anche l’intolleranza al lattosio ed al grano.

 

 

PATOLOGIE DEL SISTEMA NERVOSO.

 

Il sistema nervoso è l’apparato elettivo per le intossicazioni da metalli tossici ed è lo studio preponderante

delle teorie Neurofocali.

 Uno dei primi sintomi è quello che colpisce il distretto energetico, quindi stanchezza, mancanza di forze ed

energia, come se si fosse sempre in riserva.

Avremo tutti i sintomi dell’intossicazione da mercurio e metalli pesanti che, se si associano anche ad una

situazione tossi-infettiva osteitica, possono avere delle forti ripercussioni sul sistema nervoso.

Devo dire che questi danni li ho riscontrati un po’ tutti ed il problema principale è dato dal non

riconoscimento di uno stato tossico, bensì da una diagnosi di tipo psichico, con sintomi da disfunzione del

sistema neurovegetativo.

Questo quadro sintomatologico viene diagnosticato nella M.U.S. (Medically Unexplained Symptoms ),

Sintomi Vaghi e Aspecifici,  caratterizzati da difficile inquadramento nosologico e terapeutico

Quando i sintomi sono vaghi e non ben marcati , difficilmente si pensa ad una causa tossica.

Insonnia, agitazione, stanchezza, confusione mentale, disturbi dell’umore, sono  facilmente riconducibili ad

una situazione stressogena, piuttosto che ad una infezione dentale, così come  tremori, sonnolenza, inappetenza,

stanchezza ,depressione , irritabilità e agitazione , impotenza sessuale.

Poi ci sono difficoltà di concentrazione, scarsa memoria, eretismo mercuriale, malattie degenerative del sistema

nervoso.

Per non parlare dei sintomi classici  del distretto cefalico: cefalee e nevralgie.

Un altro sintomo difficilmente riconosciuto è quello delle aritmie benigne di origine sconosciuta che, invece,

regrediscono completamente, se di origine dento-tossica.

Più la patologia è semplice ed in stadio iniziale, più il risultato finale sarà buono.

Una cefalea da osteite, ad esempio, è molto più facile da risolvere di una malattia degenerativa del sistema

nervoso, ove si è già instaurato un processo autoimmunitario di vecchia data.

Se la causa è solo dentale, la guarigione sarà pressoché immediata , soprattutto se il problema non si è

cronicizzato; altrimenti avverrà un miglioramento in proporzione al danno creato dal focolaio.

 

 

PATOLOGIE DELL’APPARATO INTESTINALE.

 

La stretta relazione anatomica che intercorre fra la bocca e l’intestino, già ci fa intuire quanto un problema di

disturbo orale possa influire sulla corretta funzionalità gastro intestinale.

Le prime cause nocive sono quelle che operano direttamente per ingestione di sostanze tossiche o non tollerate.

Queste normalmente agiscono con una risposta a livello del tratto anatomicamente più vicino, quindi esofago

e stomaco.

Tasche parodontali con infezioni  e, quindi, grosse quantità di batteri  che vengono ingeriti soprattutto la notte,

metalli che vengono introdotti con la saliva, prodotti di rilascio di protesi in resina possono generare vere e

proprie gastriti.

Individuando ed eliminando la causa, queste passano in breve tempo.

Sono frequenti le gastriti prodotte dall’ingestione del gel sbiancante, che viene messo in bocca all’interno di

mascherine, ma che sovente viene ingerito accidentalmente durante la notte.

Anche resine non polimerizzate ad arte, od ossidazione di metalli per forti correnti endorali, provocano un

flusso continuo irritativo allo stomaco.                

 

Cause patologiche indirette sul sistema digerente.

Le intossicazioni, i campi di disturbo e le focalità dentali agiscono con un azione disregolatrice,

neurovegetativa e metabolica sull’organismo.

Questi stimoli  provocano da soli  o, in aggiunta ad altre cause , differenti disturbi funzionali e  patologie  a

carico del sistema digerente, tutte  risultato della cosiddetta “ Silent Inflammation”.

Il fattore nutrizionale,  in queste patologie, è sicuramente il più importante, come del resto le intolleranze

alimentari.

 Resta il fatto che, spesso, un soggetto con diverse intolleranze e problemi digestivi si vede in grado ,una volta

bonificata la bocca ,di mangiare e digerire alimenti a lui prima  vietati.

La tossicità sul fegato, vie biliari e pancreas, è una delle prime cause di disturbi intestinali di derivazione

dentale, che vanno a spiegare la scomparsa di una intolleranza, una volta guarita la causa dentale.

La maggior parte delle tossine che arrivano dalla bocca,  vengono poi indirizzate al fegato, che risulta spesso

affaticato da questo lavoro extra, ma continuativo.

Il deflusso degli acidi biliari ne risente e si crea una situazione di perdita della sintonia dei tempi della

digestione  con gonfiori, blocco digestivo  a livello duodenale, reflusso acido .

In questi casi, sia a livello diagnostico che terapeutico tradizionale, sia con un intervento con la  medicina

funzionale di regolazione, si otterranno risultati sintomatici e solo parziali, fino a quando non verranno

eliminate anche le cause dentali.

 

La tendenza ad un disbiosi intestinale .

Sono soprattutto le intossicazioni da metalli pesanti a contribuire alla modificazione della flora batterica

eubiotica intestinale, ma anche le colonie di anaerobi molto virulente,  che si vengono a formare in denti

devitalizzati e in siti ossei infetti.

Coliti, colon irritabile, fino ad arrivare alla colite ulcerosa, candidosi intestinale sono malattie che possono

essere peggiorate o a volte provocate da cause dentali, soprattutto se in relazione a focolai presenti sugli

odontoni correlati.

Considerando che i primi molari inferiori, i quarti e quinti superiori, sono i denti che più frequentemente

vengono devitalizzati, possiamo intuire come queste patologie,

normalmente correlate a questi denti,  siano cosi frequenti al giorno d’oggi .

 

 

 

PATOLOGIE ENDOCRINE.

 

Le patologie endocrine più difficilmente vengono messe in relazione ai denti.

Quando si trova una relazione, solitamente è parziale o di concausa, ma comunque causata sempre da focalità

ed intossicazioni soprattutto da amalgama..

Sicuramente, a causa della vicinanza anatomica, spesso viene coinvolta la ghiandola tiroide che dapprima, per

reazione, provoca un ipertiroidismo che si esaurisce col tempo per entrare in un ipotiroidismo.

Spesso ho trovato e risolto in maniera semplice turbe o irregolarità del ciclo causate da infezioni dei molari

inferiori.

Le intossicazioni sono concause di infertilità sia maschile che femminile.

L’influenza sul diabete è di difficile valutazione, comunque  è accertato che il diabete di tipo due possa

peggiorare in presenza di problemi dentali.

 

 

APPARATO RESPIRATORIO.

 

 

Bronchiti croniche, tosse stizzosa, faringo tonsilliti recidivanti  hanno, come chiave eziologica concausale,

 legami con la bocca, ma anche  otiti e sinusiti  per contiguità anatomica.

Anche problemi asmatici  reiterati possono essere incrementati da intossicazioni buccali.

 

 

APPARATO URINARIO .

 

Patologie all’apparato renale, spesso sono dovute a focalità dei denti incisivi.

Di solito  la causa proviene da denti devitalizzati che si sono fratturati in giovane età per cadute o incidenti .

La relazione dente organo per gli incisivi, scoperta da VOLL, è appunto con rene e vescica: abbiamo così

cistiti recidivanti , glomerulonefriti, vaginiti (da candida, coli ,etc.) e prostatiti, entrambe molto frequenti.

Mi è capitato anche un caso di cisti renale benigna,  completamente regredita in pochi mesi dopo la bonifica 

focale di un incisivo devitalizzato.

 

 

 APPARATO CARDIO CIRCOLATORIO .

 

Ho trovato miglioramenti con bonifiche dentali nell’insufficienza circolo venoso periferico e nelle varici .

Molte tachiaritmie  hanno un' origine da tossicità focale come stenocardie e dolori precordiali non di origine

coronarica.

Avolte ci sono dei miglioramenti nei casi di ipertensione essenziale.

 Sono molto frequenti invece la stasi linfatica e le linfoadenopatie, soprattutto sottomandibolari e

laterocervicali.

 

 

IMMUNOLOGIA , ALLERGIE.

 

Il coinvolgimento dentale è molto frequente in molti tipi di allergie ed intolleranze alimentari.

Non vorrei essere monotematico affermando che tutte queste patologie vengono curate eliminando focalità e

tossicità dentali, ma vorrei ribadire che molto spesso sono cause o concause che non vengono nemmeno tenute

in considerazione .

Bisogna sottolineare che a volte sono la causa principale e tutta la sintomatologia si risolve eliminando questi

problemi focali odontoiatrici ; altre volte il lavoro odontoiatrico deve essere associato ad un riequilibrio

energetico più generale per mezzo di alimentazione corretta e terapie ad indirizzo biologico.

In questo caso è molto utile, per fare una valutazione completa e predittiva, sottoporre il paziente al test

EAVI.

Per vedere alcuni casi risolti e documentati, consultare sezione DIDATTICA > PRESENTAZIONE CASI .

 

 

 

.